Valeria Gasparrini, incisiome, studio, sabina, Torri in Sabina, arte, PecoraNera, calcografia, corsi, illustrazione, xilografia

xilo2

la xilografia

Nella xilografia la matrice di stampa ( la lastra che verrà inchiostrata e stampata con il torchio) è una tavoletta di legno oppure – più semplicemente, più modernamente – di linoleum. Viene asportato dalla superfice della tavoletta tutto quello che non fa parte del disegno, con il risultato che rimane in rilievo solo quello che vogliamo stampare. Su questo rilievo viene poi passato il colore, con un rullo o con un tampone, ed il colore viene poi trasferito sul foglio di carta con la pressone del torchio. Questo tipo di stampa si chiama tipografica, e si differenzia dalla stampa calcografica, nella quale l’inchiostro si deposita nei solchi della matrice e non sulle superfici sporgenti. Gli strumenti per incidere la matrice si chiamano sgorbie, ed hanno punte differenti, a seconda della forma e della grandezza che vogliamo dare ai solchi che via via incidiamo.

Nel corso di xilografia si impara a trasferire il disegno sulla matrice, ad affilare ed usare correttamente gli strumenti da intaglio, ad incidere e quindi inchiostrare la matrice e a stamparla al torchio, con uno o più colori.  A livello avanzato si impara a realizzare stampe complesse , derivate dalla sovrapposizione su di uno stesso foglio di più matrici incise.